MCN Spotlight: Tastemade e il cibo tecnologico

Cibo, cibo ovunque. Tastemade nasce nel 2010 con l’intento di unire sul web i giovani appassionati di cucina e ricette. Come si è trasformato? Come ha resistito ai cambiamenti di YouTube?

Tastemade logoTastemade nasce come un Multi Channel Network verticale: aggrega in playlist i contenuti di vari youtuber iscritti al network a seconda dei temi trattati.
Con l’entrata in gioco delle sponsorizzazioni Tastemade inizia a  cambiare e crea delle serie originali in collaborazione con alcuni brand. Una delle collaborazioni più famose è Jet Flight quella con Grey Goose, la vodka, con cui crea una serie di video in cui il conduttore affiancato da barman sempre diversi crea dei drink basati su prodotti tipici di una città degli Stati Uniti.
Ma Tastemade non è diventato famoso solo per le serie sponsorizzate, che fino a poco tempo fa’ erano la maggioranza dei contenuti che si trovavano sul canale. Si è fatto conoscere anche per una serie originale: Thirsty For… con cui ogni settimana crea la ricetta di drink provenienti da ogni parte del mondo. Oltre a questa ne ha create diverse altre: sulla cucina vegana e sui cibi asiatici.

Da dicembre 2015, Tastemade ha scelto di rinnovarsi. Ha scelto, infatti, di coinvolgere molti più youtuber nella produzione di contenuti e di pubblicare nuovi video ogni giorno, rispetto alle 2/3 volte a settimana in cui comparivano i video prima.
Inoltre, Tastemade ha iniziato la creazione di molte serie originali mettendo le sponsorizzazioni in secondo piano: esattamente l’opposto di ciò che accadeva prima.

Ma l’espansione di Tastemade non si ferma qui.

Tastemade: MCN anche su Facebook e Snapchat

TastemadeFB

Il network, infatti, ha scelto di coinvolgere il proprio pubblico anche su Facebook con brevi video di ricette facili da replicare o belle da vedere. Una delle serie di maggior successo è Tiny Kitchen: in cui sono create ricette basiche in una cucina a misura di Barbie. Un’ottima idea per creare del contenuto facilmente condivisibile in un social come Facebook che si sta riempiendo di quei brevi video di cucina dove tutto sembra talmente semplice che anche un bambino potrebbe fare dei cupcake per riempire 5 minuti di noia.
Tastemade partecipa a questo trend creando dei filmati che riassumono i passaggi principali delle ricette che si possono trovare nel canale YouTube del network.

Tastemade non è solo YouTube e Facebook! Per essere un vero network down with the kids ha scelto di produrre contenuti specifici anche per Snapchat. Con questo nuovo strumento crea video in verticale, una piccola rivoluzione per chi ha sempre lavorato con una cornice orizzontale e quindi la separazione tra cuoco e cibo, cosa che in verticale si ha nella stessa inquadratura molto più semplicemente.
Inquadrature a parte Tastemade sta sperimentando ogni modo per coinvolgere il pubblico anche su Snapchat: da brevi video che introducono quelli sul canale YouTube ad articoli sugli ultimi trend in fatto di cibo o ristoranti che si possono leggere scorrendo verso l’alto la gif di copertina.

Tastemade: MCN internazionale

Tastemade nasce come network negli Stati Uniti e si rivolge alla grande community di utenti che consuma contenuti in inglese. Non solo però, ad un anno dalla sua nascita, nel 2013, ha aperto Tastemade Brasil, rivolto alla community spagnola e portoghese presente su YouTube.
Seppure attivo questo canale mantiene ancora l’impostazione classica del network: tre video a settimana in cui si coinvolgono gli youtuber ma si ha meno partecipazione del pubblico.

L’evoluzione di Tastemade è interessante per capire come un network che ha come obiettivo: quello di creare una community di youtuber ed utenti attorno ad una stessa passione, possa adattarsi ai cambiamenti della piattaforma e del pubblico cui si rivolge. Da un lato, gli utenti hanno bisogno di più contenuti per notare il canale nel mare di notifiche che ricevono. Dall’altro, un network non può legare i propri contenuti alle sole sponsorizzazioni o, per quanto interessanti siano, l’utente medio sceglierà sempre i contenuti che hanno un sapore più “genuino”, per i programmi costruiti c’è già la TV e quella in molti hanno scelto di abbandonarla da tempo. Ma questa è un’altra storia…

Condividi l'articolo!

Laura

Sono una giovane web-marketer & digital strategist laureata in Scienze della Comunicazione a Padova. Mentre mi specializzo in Comunicazione allo IUSVE di Mestre mi diverto a condividere la mia passione, YouTube, su youtubologia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.