5 donne su YouTube che devi vedere subito

donne-su-youtube

La rappresentatività in tutte le piattaforme, social media compresi, è importante. Proprio per questo statistiche che affermano che meno della metà degli utenti su YouTube è donna, mi sembrano impossibili. Ma la verità dov’è? Le donne su YouTube sono solo mascara e outfit of the day? Forse no. E questo articolo è qui per smentirlo!

donne-su-youtube-girl-power

Di YouTube prima di tutto la gente scopre le fangirl: dipinte come teenager in piena crisi ormonale che urlano contro qualcuno, a caso. Sono quelle che tutti i pubblicitari sognano di avere ai loro piedi e che moltissimi degli youtuber cercano di sedurre (per le visualizzazioni, eh!).
Ma davvero ci sono solo loro tra le utenti del social di Google? Folle di ragazzine che piangono alla vista del prossimo teenager bianco e capello colorato che fa l’occhiolino a fine video?
Non credo proprio.

Sono di parte, vero. Ma ho ben 23 anni, guardo l’adolescenza con nostalgia (sì, mi sento anziana) e preferisco YouTube alla televisione. Ah, sono pure femmina. MA non urlo alle notifiche dei tweet degli youtuber che preferisco, non compro libri solo perché c’è un bel faccino in copertina e ho disdetto l’abbonamento a Top Girl circa 8 anni fa’.
E come me ce ne sono molte più di quelle che i network vogliono farci credere.
La domanda allora è: chi ci rappresenta? Esiste qualcuno nella piattaforma che entra in questa categoria? OVVIO!

donne su youtube

Qui oggi non parlerò delle famose e talentuose wannabe-make-up-artist, verso cui non nutro altro che immensa ammirazione (mai una volta che sia riuscita a mettere l’eyeliner decentemente, ammettete di aver fatto un patto col diavolo per riuscirci!). Parlerò, invece, delle youtuber che parlano delle donne, delle nostre gioie e dolori e che vogliono uscire un po’ da quello che sembra essere diventato lo stereotipo: “Sei donna? Ah, allora parli di trucchi e vestiti”.

Le 5 donne su YouTube che devi seguire ora.

Cimdrp

Cominciamo con una nostrana che ammiro immensamente: Irene Facheris, in arte cimdrp.
Lei canta, scrive su Bossy e ha inaugurato quest’anno la video-rubrica “Parità in pillole” che è già arrivata alla seconda stagione.

Lo scopo della serie è quello di parlare apertamente di femminismo, questioni lgbt e tutto ciò che aiuti a comprendere la questione parità e a diffondere cultura rispetto a questi argomenti.
Sono dell’idea che video del genere siano da proiettare sui muri delle scuole per far crescere una società migliore di quella che ci ritroviamo oggi. In più, lei è una youtuber intelligente, preparata e simpatica. Le ha tutte lei, sì.

Hannah Witton

Sì lo so, non è italiana. Però deve essere qui perché quest’anno ha iniziato una nuova serie: The Hormone Diaries.

Qui racconta del suo percorso di uscita dall’uso della pillola anticoncezionale e i suoi primi passi verso una ripresa normale del proprio ciclo mestruale.
Sappiate che mi sto chiedendo anche io quello che state pensando: perché? Perché desiderare di avere il ciclo quando si starebbe molto meglio senza?
Ecco, è proprio per questo che è importante guardare questa serie, dà un nuovo punto di vista molto, molto interessante. In più è davvero simpatica, non parla solo di sesso e relazioni ma anche di viaggi, libri, film e collabora con diversi nella sua serie di punta Drunk Advice per la quale il titolo spiega esattamente in cosa consiste.

Laci Green

donne-su-youtube-laci-green

Laci Green è una delle più famose youtuber nel mondo dei video, diciamo, femministi. Presenta una serie sul canale YouTube di MTV chiamata Braless, dove affronta varie questioni: ruolo della donna e questioni lgbt in primis.

Nel suo canale parla degli stessi argomenti ma in modo meno “costruito”.
Viene spesso accusata di lasciare troppo spazio a pregiudizi, soprattutto affrontando la questione della donna nella nostra società, ma credo sia una buona idea darle una possibilità e vedere cos’ha da dire.

StyleLikeU

donne-su-youtube-sylelikeu

StyleLikeU non è solo un canale YouTube, è un progetto. Creato da madre e figlia: Elisa e Lily. La serie che le ha rese famose è The What’s Underneath Project: una serie di video in cui uomini e donne, famosi o comuni raccontano il loro stile, il loro corpo e la loro vita mentre si spogliano dei loro abiti per “mostrare cosa c’è sotto” quello con cui si vestono tutti i giorni.
Il progetto è iniziato su YouTube nel 2014. Oggi conta circa 100 video e da pochi mesi è stato finanziato da Fullscreen per entrare nella nuova piattaforma del network.

Yulin Kuang

Lei è più una menzione d’onore. Sarebbe stata molto bene anche tra i filmmaker da non perdere.
Aspirante regista, ha creato dei cortometraggi che riassumono perfettamente il mondo degli young adult movies senza però stimolare forti dolori addominali e brividi lungo la schiena.
La mia serie preferita, che poi è il motivo per cui l’ho inserita nella lista, è Tiny Feminists.

Una serie di 3 episodi che racconta “le avventure di tre femministe che frequentano la scuola elementare, mentre fanno a pezzi il patriarcato e cambiano il mondo”. Con una sinossi così, non può che essere una cosa stupenda o estremamente stupida.
Tranquilli, è la prima. Tiny Feminists è intelligente, ironico, schietto e a tratto satirico verso la cultura femminista da social network che vediamo oggi.

Queste sono le mie preferite!
Le conoscevate già? Quali altre seguite?
Consigliatemele nei commenti e condividete questo articolo con la vostra femminista preferita!

Condividi l'articolo!

Laura

Sono una giovane web-marketer & digital strategist laureata in Scienze della Comunicazione a Padova. Mentre mi specializzo in Comunicazione allo IUSVE di Mestre mi diverto a condividere la mia passione, YouTube, su youtubologia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =